TELEFONIA E DISSERVIZI: L’AUTORITA’ INDENNIZZA GLI UTENTI

postato in: Senza categoria | 0

Telefonia e disserviziIn data 27 marzo 2013 l’AGCom, con la Delibera n. 19/13/CIR, ha accolto la richiesta di un’utenza imprenditoriale che aveva lamentato l’interruzione del servizio telefonico e dell’adsl, da parte di Telecom Italia, per ben 2 volte e per circa 3 mesi su due linee telefoniche, causando un notevole danno all’esercizio della stessa attività dell’azienda. L’azienda telefonica si è difesa, adducendo a motivazione del disservizio il furto di cavi telefonici, che avrebbe comportato l’interruzione improvvisa del servizio. Ma l’Autorità ha ritenuto tale spiegazione assolutamente insufficiente, sia perché l’operatore telefonico è tenuto ad offrire sempre il servizio e ad intervenire in tempo debito per la risoluzione di eventuali problematiche o guasti, sia perché nel caso in questione l’interruzione della linea è stata lunga e addirittura ripetuta, e dunque l’azienda non ha messo in campo le giuste contromisure per garantire il servizio all’utente. Ma Telecom Italia non ha nemmeno riscontrato per tempo, ovvero entro 30 giorni, il reclamo dell’utente. Per tutti questi motivi l’AGCom ha deliberato un indennizzo di euro 2.819,50 per l’utente, calcolandolo sempre coi parametri della Delibera AGCom n. 73/11/CONS, che impone un risarcimento di 15 euro al giorno per la sospensione della linea telefonica e di altrettanti euro per l’interruzione dell’adsl, moltiplicando tale indennizzo per le due linee telefoniche in questione, e condannando Telecom Italia anche a pagare il risarcimento per il mancato riscontro al reclamo.

 

Questa Delibera AGCom n. 73/11/CONS, dopo anni di battaglie delle associazioni dei consumatori, ha condotto finalmente ad una normativa chiara in tema di indennizzi per qualsiasi disservizio lamentato dagli utenti, uniformando per tutti gli operatori telefonici i risarcimenti da erogare ai consumatori per ogni tipo di disservizio arrecato, oltre al risarcimento del danno ulteriore da provare caso per caso.

Lascia un commento